Paolo Cattelan

Settore disciplinare: Storia della musica per Didattica della Musica - Metodologie della critica - Antropologia della musica - Storia del Jazz - Filologia musicale
Laureato con lode in musicologia all’Università” Ca’ Foscari” di Venezia con Giovanni Morelli, ha studiato canto e composizione a Venezia al Conservatorio “Benedetto Marcello” e privatamente con Fabio Vacchi.
Dal 1988  ha insegnato la Storia della Musica nei Conservatori  di Pesaro, Adria, Padova e nelle  Università  di Pavia (Scuola di Paleografia e Filologia Musicale di Cremona), Urbino, Venezia dove dal 1998 al 2013  tiene l’insegnamento di Storia del Canto.
È autore di studi e ricerche per le più accreditate testate della Musicologia Internazionale sulla musica dei secoli XVIII-XX . Con il libro Mozart. Un mese a Venezia (Marsilio 2000) ha vinto la XXXV edizione del Premio Iglesias per la saggistica musicale .
Ha curato edizioni critiche  di testi musicali  dei sec. XVIII-XX  (adottati  da Shlomo Mintz, Alan Curtis, Martin Haselboeck, Riccardo Muti, Gianluigi Gelmetti etc...) , tra cui la Cantata di Giovanni Ferrandini, Il pianto di Maria permettendone la disattribuzione a Handel (ex Hwv 234),  Concerto per due pianoforti e strumenti di Bruno Maderna, Musik der Trauer di Karl Amadeus Hartmann, Sei quartetti padovani di Joseph Schuster e molte altre opere inedite, prevalentemente vocali, del sec. XVIII  . Si è specializzato nella cura di testi per il canto e nel 1988 ha prodotto  una nuova versione ritmica italiana del Guillaume Tell  di Rossini, per  Casa Ricordi, lla Fondazione Rossini di Pesaro e  il Teatro alla Scala (versione diretta da Riccardo Muti per l’inaugurazione della stagione scaligera  del 1988 e riversata su Cds Philips Classic nel 1989). Nel 2003  Hans Werner Henze gli ha affidato la versione ritmica italiana  dell’opera El Címarron (testo originale  di Hans Magnus Enzesberger) andata in scena a Roma nello stesso anno alla presenza dell’autore.
Collabora a The New Grove Dictionary of Opera  e MGG  (“Die Musik in Geschicthe und Gegenwart”). Scrive per la rivista Amadeus.
Ha progettato rassegne e cicli di concerti, convegni , mostre e proiezioni cinematografiche per la Fondazione Centro  Musicale Malipiero, la Fondazione Giorgio Cini,  la Fondazione Teatro La Fenice, la Fondazione Ugo e Olga Levi  di Venezia, gli Amici della Musica di Venezia, gli Amici della Musica di Mestre, l’Orchestra di Padova e del Veneto, l’Associazione Veneta Amici della Musica, il Teatro dell’Opera di Roma,  la Scuola Superiore di Studi Musicali “Operalaboratorio” (Teatro Massimo di Palermo/Città di Palermo), Il Festival La città che sale  di Rovereto (città di Rovereto), il Festival  Monografie del Novecento  di Trani (Città di Trani), Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles. etc…
Dal 1991 al 2004 ha curato e coordinato l’attività artistica e scientifica della Fondazione Malipiero (Venezia-Asolo). Dal 2000 al 2003 ha diretto il Workshop  di Musica Vocale da Camera collegato al Concorso Nazionale di Musica Vocale da Camera Città di Conegliano. E’ stato in giuria di molti concorsi di Musica vocale tra cui il rinomato Viotti di Vercelli. Dal 1997  è direttore artistico e presidente degli Amici della Musica di Venezia con cui opera per progetti concertistici e di ricerca nel Veneto, in Italia e all'estero.