Attività formativa interdipartimentale
DISCIPLINE INTERPRETATIVE DI INSIEME

Esame di ammissione

Il candidato presenterà alla commissione due importanti lavori appartenenti al repertorio solistico e cameristico del proprio strumento. Si richiede che le opere presentate siano appartenenti a periodi storici diversi e abbiano una durata complessiva di almeno 30 minuti tot.

Titoli richiesti

Per essere ammessi al “Corso di Diploma Accademico di II livello in Musica da Camera” è richiesto uno dei seguenti titoli:
• Diploma di Conservatorio di I livello accademico in discipline interpretative;
• Diploma di Conservatorio del vecchio ordinamento (tranne le aree di direzione e composizione) congiuntamente a un Diploma di Istruzione secondaria superiore o di altro titolo di studio equivalente conseguito all'estero;
• Laurea o diploma conseguito all’estero riconosciuto idoneo.

Potranno essere riconosciuti come crediti formativi ulteriori conoscenze ed esami sostenuti presso la stessa o altri istituzioni, purché connessi con il corso richiesto.

Non sono previsti limiti d'età per l'accesso.

Per gli studenti stranieri e che non sono in possesso della cittadinanza italiana è obbligatoria la verifica della conoscenza della lingua italiana che si svolgerà durante l’esame di ammissione.
Chi non supererà tale prova dovrà frequentare un corso di lingua italiana che potrà essere organizzato da questo Conservatorio.

Obiettivi formativi

Il Diploma di Secondo Livello (biennio) in discipline musicali ad indirizzo interpretativo per l’area cameristica provvede a fornire competenze avanzate nelle metodologia e nelle prassi esecutive proprie dei repertori della musica da camera vocale e strumentali. Il Biennio è aperto a tutti coloro che intendano specializzarsi con l’acquisizione di specifiche competenze professionalizzanti nel campo delle aree professionali per la musica di insieme. Il percorso formativo intende fornire strumenti adeguati per la lettura filologica dei testi musicali e la conoscenza delle moderne linee interpretative con riferimento al loro evolversi contestuale allo studio delle fonti della storia della musica. Gli iscritti verranno avviati a praticare professionalmente esperienze di concertazione in adeguati gruppi di lavoro nei quali si provvederà ad una indagine sui testi alla luce delle metodiche acquisite.

Modalità di frequenza

E’ richiesta una frequenza del 75% delle ore pertinenti a tutte le materie. Le tipologie di erogazione didattica sono: individuale, compartecipato, di gruppo, collettivo.

Sbocchi professionali

Attività concertistica in formazioni cameristico-orchestrali; collaboratore in scuole musicali professionali e non professionali; attività di programmazione e organizzazione di stagioni musicali pubbliche o private; attività di assistente musicale nel contesto di registrazioni radiofoniche e discografiche; collaborazioni con editori musicali e biblioteche pubbliche o private. 

Prova finale

Il candidato presenterà un programma da concerto della durata di almeno 60 minuti che contenga almeno 3 opere di periodi storici diversi appartenenti al repertorio cameristico di primaria importanza per il proprio strumento. Si richiede che i brani scelti abbiano almeno due organici strumentali diversi.

All’esecuzione in forma di concerto, seguirà la presentazione di una Tesi nella quale il candidato dia prova di conoscere le problematiche tecniche dei lavori eseguiti e dimostri una conoscenza degli autori e del contesto storico, stilistico e interpretativo in riferimento alle opere presentate.